02 febbraio 2014

Hidden Hand aveva ragione… E smettiamola di chiamare “Illuminati” dei poveracci, per favore

Stavo riflettendo su una cosa. Alla luce delle conclusioni, provvisorie come sempre, a cui mi è capitato di arrivare nell’ultimo mese e che ho riportato negli ultimi due articoli su questo blog, un pensiero è sorto dal nulla e richiama un personaggio misterioso del quale vi parlai ormai quasi 3 anni fa: Hidden Hand. Ve lo ricordate? Era quel tizio che diceva di appartenere a una famiglia antichissima, da millenni sulla Terra, una di quelle più in alto nella piramide mondiale, praticamente al vertice della stessa, apparso su un forum americano di controinformazione definendo il suo exploit come “una finestra d’opportunità” per noi, per capire meglio come funzionano le cose su questo pianeta e per dare qualche suggerimento in termini spirituali.

Durante le sue sessioni di discussione, erano emerse delle rivelazioni allucinanti un po’ perchè provenienti da un anonimo che dichiara di appartenere a una famiglia animica superiore, in termini gerarchici, a qualsivoglia Rockfeller, Rothschild, famiglie reali eccetera esistenti sul pianeta, e un po’ perchè molti dei concetti espressi erano davvero estremamente fuori dal comune, al limite della pura fantasia. Infatti, intorno a questa enigmatica figura, si sono accesi pareri contrastanti tra chi sostiene la sua autenticità e chi invece lo reputa soltanto un mitomane burlone con un background di letture di testi sulla spiritualità.

Ora, non ho la minima intenzione di prendere posizione in uno dei due schieramenti. Non me ne frega un cazzo, detto proprio papale papale… Il richiamo a Hidden Hand mi è soggiunto nel momento in cui mi sono tornati alla mente alcuni dei concetti generali da lui trattati allora. Andando a rileggermi qualche suo pezzo, comunque, c’erano tante cose incredibili che non mi ricordavo proprio, ma fa niente: questo post non vuole essere un’analisi minuziosa della sua lunga esposizione. Semplicemente, mi sono ritornati in mente alcuni suoi punti straordinariamente in sintonia con quanto sono arrivato a comprendere io finora (o, meglio, quanto mi è capitato di comprendere… Non me la sento di prendere meriti che non mi competono…).

Faccio un breve riassunto, o una breve introduzione per chi se lo fosse perso. Se vi ricordate, lui diceva di appartenere al gruppo animico conosciuto col nome di “Lucifero” e il compito che questo tizio e la sua famiglia (più altre famiglie, credo) devono assolvere è quello di portare questo pianeta verso una sempre maggiore polarità negativa, in modo da generare un “raccolto” animico sufficiente a liberare il suo gruppo dalla prigionia di questo mondo di terza densità. Prigionia dovuta al fatto che Lucifero è un gruppo animico di sesta densità, il quale ha deciso di non ascendere alla settima densità per tornare “giù” (la famosa “caduta”) ad aiutare gli altri esseri viventi ad evolvere. Yahweh, il nostro gruppo animico del quale noi siamo una diretta manifestazione individualizzata, aveva creato il suo piccolo paradiso terrestre ma gli uomini e le donne che lo abitavano non mostravano segni soddisfacenti di evoluzione. Quindi, fu lo stesso Yahweh a chiamare Lucifero per creare un catalizzatore (il libero arbitrio) così da fornire un’alternativa all’incredibile, ma poco efficace, estrema positività esistente fino ad allora. Dopo un’accesa discussione, frizzi mazzi e lazzi, Yahweh, adirato e geloso, decise di imprigionare Lucifero qui e l’effetto karmico della negatività portata dall’”angelo caduto” ha avuto su esso stesso l’effetto di dover ottenere un “raccolto animico” negativo per poter essere rilasciato dalla “prigione”.

Questo proprio molto brevemente, ma il discorso è parecchio più ampio e articolato. Verità? Cagata epica? Non lo so. Comunque sia, andiamo al sodo. Ci sono delle affermazioni fatte da Hidden Hand che si sono rivelate clamorosamente false, tipo quando dice:

“San Francisco e Damasco saranno inabitabili entro il 2010, forse anche prima.” [La discussione originale è datata 18 ottobre 2008, ndM]

E’ anche vero che più di una volta si premura a ricordare di non essere “abbastanza in alto nella Gerarchia per conoscere i dettagli con largo anticipo”, oppure inserisce un alone di semplice ipotesi dipendente “da alcune 'forze' in gioco, e dalle tempistiche con cui si attiveranno”, per cui questi eventi potrebbero verificarsi. Ma anche no. E difatti non si sono verificati. Avremo pure un’informazione mainstream di merda, ma mi risulta che le tipiche strade in salita di San Francisco siano percorse ancora da persone e non da delfini e balene.

Basta ciò per etichettare il signor Mano Nascosta un vaccaro mitomane? Non credo, alla luce del resto della discussione. Ci sono dei punti, infatti, che all’epoca non capii minimamente ma che ora sono cristallini di fronte a me.

Prima, però, un paio di fatti che ho sempre ritenuto inspiegabili date le diverse versioni della storia e del mondo forniteci dal mainstream e, soprattutto, dalla controinformazione. Mi soffermo su quest’ultima. Ci sono dei tizi che da millenni controllano la baracca da dietro le quinte, giusto? E lo fanno cercando di opprimere sempre di più le persone, schiavizzandole, indirizzandole verso certi concetti e sopprimendone altri, giusto? Perfetto. Sono super-potenti, in totale controllo, fenomeni e tutto il cucuzzaro… e poi lasciano passare, tanto per fare un esempio, una roba rivoluzionaria come il messaggio cristico?! Idee e concetti messi nero su bianco, diffusi, copiati, stampati, ristampati, col potenziale di rompere qualsiasi catena di schiavitù a qualunque livello! Certo, mi direte: le parole sono lì alla portata di tutti, ma poi l’interpretazione è un’altra cosa. E l’interpretazione più diffusa (e quindi, implicitamente, voluta dall’èlite) è completamente sbagliata o quasi, molto fuorviante come minimo. Verissimo, ma ciò non toglie che le parole siano comunque lì. Dunque è lì anche la possibilità di comprenderle per davvero, liberandosi così da qualsivoglia forma di schiavitù (interiore in primis).

Secondo fatto. Quando sento parlare di “Illuminati” mi viene sempre da sorridere. Ne avevo accennato un attimo nello scorso articolo. Infatti, col termine “Illuminati” vengono sempre etichettati i signori appartenenti ai soliti Rockfeller&co., i quali sarebbero i veri padroni di questo pianeta, l’èlite dominante. Non solo: avrebbero, inoltre, una marea di conoscenze in più di noi in merito a noi stessi, al mondo, alla vita, a Dio eccetera eccetera. Sarebbero, appunto, illuminati. Ma non diciamo cazzate, per favore! Un vero illuminato capisce intimamente l’esistenza e sente perfettamente l’assoluta bellezza e l’amore incondizionato che la compongono. Di conseguenza, non potrebbe mai e poi mai fare del male col fine di fare del male (come, invece, risulta chiaramente dalle varie descrizioni sull’èlite che girano in ogni dove), semplicemente perchè saprebbe esattamente che il male assoluto non esiste, per cui ogni pensiero/azione/parola/evento/essere/particella/tempo/spazio/scoreggia ha un fine “benigno”, evolutivo e totalmente positivo, ovvero (in coro): LA CONSAPEVOLEZZA. I vari Rothschild and friends di cui si continua a parlare, ammettendo che siano davvero i capi, vi sembrano illuminati? Secondo voi questi capiscono davvero l’esistenza? No, questi sono solo dei sadici egoisti, inconsapevoli dell’intimità dell’essere, semplici attori inconsapevoli così come tutti gli altri. Ovviamente godono nella loro posizione, nella loro ricchezza, nel loro controllo: ma si sono lasciati “corrompere” da questi concetti e sono da essi controllati. Sono dei poveracci, anzi sono proprio i più poveracci dei poveracci: sono i più schiavi degli schiavi, illusi di essere i migliori del mondo, i più intelligenti, i più furbi, i più superiori. Sono più schiavi di me e di voi, non hanno il minimo “controllo” su loro stessi, sono alla mercè delle emozioni e dei pensieri, ne sono assuefatti e sottomessi e, infatti, l’idea di perdere tutto li manda ai pazzi: senza il loro bel controllo e la loro bella posizione nella gerarchia, chi sono? Cosa rimane loro per identificarsi?

Per questo ho proposto di sostituire “Illuminati” con “Opachi”. Tra l’altro, a loro fa comodo essere conosciuti col termine “Illuminati” perchè è un concetto che richiama un’idea di intrinseca superiorità… Anche perchè, scusate: a un illuminato vero, pienamente consapevole della sua essenza e dell’essenza dell’intera esistenza, che gliene frega del potere? Cosa può importargli di dominare una frazione di spazio (la Terra) per una frazione di tempo? “Ha ha ha! Sono il dominatore e controllore del mondo intero! Tutti voi prostratevi ai miei piedi! Ha ha ha!” Sì, ce l’hai più lungo. E allora? Tanto hai da morì e di te non si filerà più nessuno nel giro di 5 anni. Lo vedete come sono bambini? Non hanno la minima idea di chi siano veramente, per cui cercano all’esterno dei motivi di soddisfazione che possano colmare questo incommensurabile vuoto. Vogliono il riconoscimento altrui, tramite il dominio si sentono importanti, si sentono qualcuno. Sono dei poveracci, fanno tenerezza. Quindi, lancio ufficialmente un’etichetta che più si confà al loro stato attuale: Opachi, perchè, in loro, la luce non si esprime nella sua magnificenza ma viene offuscata, indebolita, filtrata e quello che ne esce è inconsapevolezza. D’ora in poi li chiamerò “Opachi”.

Sì ok, ma che c’entra tutto questo con Hidden Hand? C’entra perchè mi sono accorto sia di essere arrivato ad alcune “conclusioni” molto simili alle sue, e sia perchè lui rappresenta una forte spiegazione ai nonsense che ho appena elencato. Anche lui ha la concezione della realtà come assolutamente benigna e, quindi, ciò che noi identifichiamo come “male” è solo un mezzo (lui lo chiama “catalizzatore") e, in quanto tale, serve il solo scopo della consapevolezza (e qui rientra anche tutto il discorso su Satana et similia… Ne ho già parlato diffusamente). Questo suo punto è stato molto criticato e l’accusa rivoltagli è quella di fornire così una giustificazione bella e buona per le innumerevoli malefatte causate da lui o chi per esso nel mondo, un modo per lavarsi la coscienza, sostanzialmente. Sarà, ma la realtà è proprio questa: tutto proviene dalla consapevolezza, compie la sua parabola per portare consapevolezza e torna alla consapevolezza. La differenza sta nel capirlo o no. Riconosce, inoltre, la presenza di un’intelligenza dietro tutte le cose e il fatto che, se una cosa accade, significa che è assolutamente giusta così: altrimenti non accadrebbe. Tutto accade “in Dio”, in pratica, o come lo chiama lui, “l’Infinito Creatore”. Più tutto il discorso sull’unità dell’esistenza, ovviamente, fino ai cicli karmici.

Ma oltre a questi punti in comune, Hidden Hand è la più plausibile spiegazione alle contraddizioni che ho evidenziato poco più su. Vediamo di capire il perchè. Per farlo, devo prenderla un po’ alla larga, scusate. La realtà parte da un frequenza altissima, chiamiamola “primaria”, la più diretta emanazione dell’Ineffabile, dell’infinito, di ciò che sta oltre tutto. Quest’unica onda assume quasi infinite lunghezze: dalla vibrazione più alta, più veloce, più “eterea” a quella più bassa, più lenta, più “fisica” (che non è necessariamente la nostra). L’onda viene poi “suddivisa” in “blocchi”, quelli che Hidden chiama “densità”. Come facciamo a saperlo? Beh, è piuttosto ovvio: noi stiamo facendo esperienza dell’intero spettro di frequenza o solo di una sua piccola parte? Direi la seconda, per cui come minimo esistono due “blocchi”: quello piccolino di cui abbiamo consapevolezza, e quello enorme composto dal resto dello spettro. Nulla impedisce di ipotizzare che quest’ultimo sia a sua volta suddiviso in “blocchi” più piccoli. Vedetela come una matrioska: c’è un primo gigantesco “blocco”, generato dalla separazione primaria (l’uno che diventa due, l’assoluto che diventa relativo), nel quale la vibrazione (o consapevolezza) è altissima, la più alta possibile; dentro, o sotto, questo “blocco primario” ve ne è un altro un po’ più “piccolo”, meno consapevole, più denso, con una vibrazione un po’ più lenta, con qualche “limite” o “regola” in più; a sua volta, dentro (o sotto) quest’altro “blocco” ce n’è un altro un pelo più “piccolo” e via discorrendo. Una delle conseguenze di ciò è che i livelli inferiori riflettono le caratteristiche dei livelli superiori. Ovvero: tutto ciò che noi troviamo qui, in questo livello di percezione, e con tutto intendo dai semplici pensieri, ai modi di fare, ai concetti, fino ad oggetti materiali e fisici, sono rappresentazioni a questo livello di “princìpi” provenienti “dall’alto”. Vi ricordate quando vi parlavo dell’uomo e della donna, del mascolino e femminino, del sesso, delle polarità? Ecco, quello. “Come sopra, così sotto e come sotto, così sopra”, in sostanza. “Frattale”, “a Sua immagine e somiglianza” vi dicono qualcosa?

Ciò porta a una considerazione fondamentale: essendo tutto il creato un’emanazione diretta, a diversi “livelli”, dell’infinito, significa che l’infinito stesso è rappresentato in ogni singolo “livello” o “blocco”. L’infinito ha degli “emissari” per suo conto in ogni blocco. Non immaginate questi “emissari” come persone o esseri viventi antropomorfizzati: è solo un concetto per provare a rendervi l’idea. L’infinito genera la separazione primaria, i limiti primari: ciò porta alla prima, e più grande o più “veritiera”, sua rappresentazione nel campo del finito. L’infinito, in pratica, diventa per la prima volta “visibile”, esperibile. A sua volta, questa rappresentazione primaria dell’infinito pone nuovi limiti e genera un nuovo “blocco”, “comandato” da una nuova, e in un certo senso più “piccola” o meno consapevole, rappresentazione dell’infinito. E così via. Al nostro livello, l’infinito si manifesta dentro di noi sottoforma di amore incondizionato verso la qualunque e la chiunque, a partire da noi stessi. E’ la massima consapevolezza possibile in questo “blocco” di esperienza: il riconoscimento dell’assoluta perfezione dell’esistenza. Come si manifesta nel “mondo esterno”, specchio del “mondo interno”, non lo so. In passato si venerava il Sole e anche Hidden parla del “Grande Sole Centrale” come espressione massima dell’infinito in questo “blocco”: il Grande Sole Centrale, a sua volta, avrebbe generato gli altri Soli più “piccoli” fino ad arrivare anche al nostro. Non lo so, non ne ho idea. Tornando più sul metafisico, tutta ‘sta pappardella ha come conclusione che anche il nostro livello è “comandato” dall’infinito tramite una sua rappresentazione. Quindi, oltre a tutto il resto, anche il nostro pianeta “sottostà” direttamente all’intelligenza dell’infinito. Ergo, anche a livello fisico, i “capi” della baracca non possono essere che esseri consapevoli del quadro generale, i quali non stanno a capo per dimostrare di essere dei bambinoni fighi della madonna, ma per portare servizio alla consapevolezza.

Non posso verificare definitivamente che Hidden Hand sia un effettivo membro del gruppo a capo del mondo. Di certo è la spiegazione migliore che ho trovato finora alle incongruenze evidenziate prima. Ed è curioso come molti concetti da lui espressi siano praticamente identici a quelli esposti da me. E preciso un paio di cose: da quando ebbi la prima esperienza di apertura delle “porte del Paradiso”, come la chiamo io, ormai quasi 2 anni fa (tra l’altro molto simile a quella che Hidden chiama “esperienza di tempo punto zero”), e ancora di più dalla seconda esperienza dell’anno scorso, di materiale religioso-spirituale ne ho letto e guardato molto ma molto poco perchè, come avevo già scritto, mi sono reso conto (ah, la consapevolezza!) di quanto mi riempissi la bocca di tanti bei concetti senza però averli capiti per davvero, senza averne una intima comprensione. Quindi mi sono messo di più “in proprio”, in questo senso, e di intuizioni straordinarie ne sono arrivate parecchie. E aggiungo anche che è estremamente più bello arrivare alla comprensione di certi concetti per conto proprio piuttosto che farseli dire dagli altri. Intanto perchè è un allenamento potentissimo per distinguere la vera verità dall’”illusione”; e anche perchè ci sarebbe tutto il discorso sull’impossibilità di esprimere l’infinito tramite le parole, con tutte le distorsioni del caso e blablabla… Non mi ripeto, ne ho già parlato abbastanza in passato. E questo è uno.

In secondo luogo, giuro su qualsiasi cosa ed essere vivente che Hidden Hand era finito negli angoli remoti della mia mente e non ci pensavo neanche più. Il mio viaggio, nel corso di 3 anni, è andato ovviamente avanti e di acqua sotto i ponti ne è passata parecchia. Non chiedetemi come, ma il giorno dopo aver pubblicato l’ultimo post (quindi martedì) mi è arrivato un flash, una breaking news mentale avente come oggetto il signor Mano Nascosta e l’incredibile somiglianza tra un po’ di punti della sua esposizione e i miei. Allora sono andato a rileggermi un po’ della trascrizione della discussione tra lui e gli utenti di Above Top Secret. Cioè, è abbastanza curioso l’essere arrivato per li cazzi miei alla comprensione di concetti riguardanti la nostra essenza, piuttosto “fuori dal comune”, praticamente allo stesso modo suo. Che ci sia qualcosa di vero vero più vero del vero? E notare anche l’incredibile tempismo: i punti “di contatto” più importanti con Hidden sono sostanzialmente quelli che ho scritto negli ultimi due post, dunque le conclusioni, come sempre provvisorie, a cui sono pervenuto nelle ultime 2-3 settimane. Per quasi 3 anni, di Hidden Hand, non me n’è potuto interessare di meno, manco mi passava per l’anticamera del cervello. L’esperienza, evidentemente, non ne richiedeva il (ri)contatto. Poi improvvisamente sorge la comprensione di determinati aspetti della realtà e, pochi giorni dopo, letteralmente dal nulla bum! atterra un pensiero del tipo “Oh cazzo! Ma sono idee molto simili a quelle di quel tizio là, Hidden Hand! Strano…”. Nonostante tutto, vale sempre il consiglio principe che chiunque dovrebbe avere stampato a caratteri cubitali sulla parete di casa propria: non prendete nulla come verità assoluta o come vangelo. Primo, perchè queste cose le leggete e basta, non vengono da dentro voi. Secondo, perchè io, Hidden e voi siamo ognuno diversi dall’altro, con tutto ciò che ne consegue a livello di consapevolezza. Quindi, io qui vi parlo con tutta la sincerità possibile di quello che io sento come verità più vera del vero: voi non dovreste credermi a prescindere. A me, che mi crediate o no, cambia poco o nulla: più che altro la differenza è importante per voi, così evitate di commettere l’errore che ho fatto io di credere di sapere una marea di cose, per poi accorgermi di non sapere effettivamente (comprendere) quasi nulla (su alcuni concetti ero sulla buona strada, ma su altri… Lasciamo perdere…). Così evitate di ingannarvi da soli, in pratica.

Comunque sia, un fatto rimane meravigliosamente incontrovertibile: non è proprio possibile che l’inconsapevolezza possa regnare. L’infinito, nelle sue diverse manifestazioni, si pone sempre a capo dell’esistenza e delle diverse parti di essa e la guida attraverso la sua evoluzione. Non può essere altrimenti. E’ un altro modo per dire che tutto accade col solo fine della consapevolezza. Mettetela come volete, ma siamo sempre qui. Che Hidden Hand sia o no membro degli esseri fisici “scelti” dalla consapevolezza per aiutarla a farci evolvere verso di essa, poco importa: ciò che conta è che siamo stati, siamo tuttora, e saremo sempre in “buone mani” sia a livello interiore che esteriore (uno è il riflesso dell’altro. Frattale…). Cercate di capire cosa intendo…

Quindi, per l’amor diddio: vogliamo smetterla di usare il termine “Illuminati” per rivolgerci a un branco di cretini messi peggio di noi? I vari tizi verso cui si punta sempre il dito a livello mondiale sono gli? Opachi, bravi. E loro non se ne rendono conto, impegnati come sono ad ingigantire il loro ego e a rivolgersi alle loro credenze sataniste, ma stanno svolgendo esattamente il “compito di Dio” (ammicco ammicco). Ma non diteglielo, eh…

9 commenti:

Alemoto ha detto...

Ciao, San Francisco sembra ancora abitabile, ma 3 mesi fa questo video ha fatto scalpore http://rt.com/usa/fukushima-geiger-california-radiation-238/
Può essere che hidden hand abbia informazioni parziali e nemmeno sia lui a informarsi di settori non suoi, ma qualcosa è successo, strano che non abbia menzionato il giappone come causa. Diciamo che come divulgazione rispetta molto il libero arbitrio, su fatti certi la fede diventa certezza, tutto ciò che si scosta dalla verità è alimentato solo dal sentire interiore, o dalla mente collettiva.

Mattia ha detto...

Ti ringrazio per il commento.
Non credo di averne proprio capito bene la seconda parte, ma provo comunque a rispondere (sperando di non sparare vaccate). Hidden lo dice più volte, nella discussione du Above Top Secret: non ha la minima intenzione di far passare le sue parole per vangelo e il rischio che si correrebbe dimostrandosi un "oracolo infallibile" sarebbe proprio questo, ovvero: tutti inizierebbero a credergli a prescindere, senza più provare a capire da sè i concetti che lui vuole far passare. Sa benissimo con chi ha a che fare: con gente "smarrita" e sempre pronta a seguire ciecamente chiunque si dimostri minimamente più "alto" di loro.

E' stato, secondo me, molto intelligente nel non dare l'assoluta certezza a priori delle sue parole. In questo modo è proprio il sentire interiore di ognuno ad essere stuzzicato e alla fine sarà il singolo a giungere alla sua personale verità, sia su Hidden stesso che sui concetti da lui espressi. Niente verità assoluta dall'esterno, in sostanza.

Spero di aver beninteso il tuo commento e ti ringrazio ancora per averlo inserito ;)

Anonimo ha detto...

Esatto!
La questione libero arbitrio è proprio questa, non può essere fatto o detto nulla che porti in direzione della verità (diciamo sulla reale comprensione soggettiva delle cose elaborata dal complesso mente-corpo-spirito di terza densità) in modo plateale e senza più dubbi. La legge del libero arbitrio e quella di confusione operano proprio in questo modo per tutelare la libertà prima, ovvero la ricerca deve essere sempre spontanea e dettata dalla volontà. Non è hidden hand a essere intelligente, deve rispettare certe regole se vuole parlare di certe cose, se no in questi 5 o 6 anni sarebbe sorta una nuova religione hiddenhandiana come minimo

Mattia ha detto...

D'accordissimo. Non saprei cosa aggiungere ;)

Anonimo ha detto...

ciao io però mi ricordo che alle domande su avvenimenti che sarebbero successi,hh rispondeva sempre che le date precise non le dava mai ma dava un periodo di tempo molto vasto non mi ricordo della frase di san francisco.....

Mattia ha detto...

C'è, c'è. Tra l'altro, nei vecchi articoli su Hidden Hand avevo riportato pari pari la traduzione, fatta dal sito Anticorpi.info, dell'intero scambio tra gli utenti di ATS e HH e c'era quella frase lì su San Francisco e Damasco. Non so a che pagina della discussione originale sia, ma c'è ;)

Anonimo ha detto...

Grazie per quello hai scritto, sono arrivato alle tue stesse deduzioni dopo aver letto Hidden Hand proprio alcuni giorni fa. Sono arrivato a Above Top Secret, facendo ricerche sugli arconti e leggendo i testi gnostici di Nag-Hammadi. Cercando su youtube dei video riguardo agli arconti, l'occhio mi e' caduto, non a caso su un video di italo cillo, dove trattava il tema degli arconti e il documento HIdden-Hand, come i testi piu' attendibili riguardo a il controllo del nostro pianeta. Condivido pienamente il termine "Opachi", in quanto gia' da tempo sentivo dentro di me che non e' sufficiente il lavoro sporco di questi signori, a spiegare quello che ci accade ogni giorno, nella terra.

Grazie di nuovo!

donatodicembre ha detto...

Salve mi chiamo Donato, piacere....anche per me é stata una lettura..."illuminante" Scherzi a parte, anch'io l'ho scaricato da Anticorpi e poi stampato qualche copia anche per gli amici. Volevo chiedervi se non siete rimasti colpiti dalla celerità con cui hh dava risposte a domande complesse ed anche profonde? (Questo solo dal sito originale, che tiene registro del tempo). Mi ha fatto pensare subito che, anche se non fosse stato veramente chi diceva di essere, valeva molto la pena leggerlo. Poi il concetto del "catalizzatore", molto in assonanza con il sistema duale che ci governa in questa realtà...

donatodicembre ha detto...

Forse la marcatura di "Illuminati" per tali soggetti la dobbiamo a David Icke che li definisce così...?