24 gennaio 2011

New Age e NWO

Ecco un articolo interessante per capire un po’ meglio la mentalità dei vari cocksuckers ai vertici della piramide mondiale, con le loro credenze luciferine e tutto il resto.

Buona lettura!

(tratto da NoAgenda.blogspot.com)

 

NEW AGE, NEW ORDER
L'era dell'Acquario e il Nuovo Ordine Mondiale
Che legame c'è tra il movimento New Age e l'Agenda globalista del New World Order? Spesso affrontando l'argomento si fa menzione a una presunta nuova religione - dai contorni chiaramente luciferini - che sarebbe tra i piani dell'Elite "illuminata" per il mondo nuovo che da secoli programma per noi. Sappiamo quanto la figura di Lucifero sia "stimata" tra questa gente. Ma cosa c'entra questo con la New Age? 

Proviamo a dare una risposta, partendo dall'opera di demolizione delle religioni che, da Weishaupt (fondatore degli Illuminati) in poi viene portato avanti - con pensieri parole opere e omissioni - dalla "cricca" globalista. Weishaupt, il quale asseriva che "...tutte le religioni si fondano sull'impostura e le chimere, che tutte finiscono per rendere l'uomo debole, strisciante e superstizioso", affermava al tempo stesso che "Dio e il mondo non sono che un'unica cosa" e che "ogni uomo è capace di trovare in se stesso la Luce Interiore... diventa eguale a Gesù, ossia Uomo-Re...". Già queste affermazioni, non vi ricordano un pò certe tipiche espressioni newagiane?

Ma andiamo avanti e passiamo a Thomas Huxley (1825-95, http://it.wikipedia.org/wiki/Thomas_Huxley, nella foto a dx), biologo e filosofo inglese Convinto sostenitore dell'evoluzionismo darwiniano, tanto da essere soprannominato il "mastino di Darwin". Assolutamente materialista ed ateo, si batté incessantemente per il superamento del fissismo teologico (tra l'altro, fu lui a coniare il termine "agnostico"). Ebbene, Huxley era membro del X-Club (http://en.wikipedia.org/wiki/X_Club), che emanava direttamente dalla Royal Society, il tempio “scientifico” della massoneria inglese; l’X-Club sposò e promosse le idee "rivoluzionarie" di un giovane studioso, che con le sue sconvolgenti teorie metteva in dubbio la concezione dell’uomo per come si era compresa fino allora: il giovane scienziato era Charles Darwin.

Perché la Massoneria ha avuto interesse a promuovere Darwin? Chiaro: la teoria dell'evoluzionismo metteva per la prima volta in seria discussione l'esistenza di Dio, o di un intervento divino nella creazione dell'umanità, divenendo in breve tempo uno dei punti d’incontro di tanti massoni i quali pensavano che dalla sua diffusione sarebbe scaturita "la definitiva liberazione dai lacci dell’ignoranza e dall’occhiuta clerocrazia cattolica" (Aldo A. Mola, “Storia della massoneria italiana dalle origini ai nostri giorni”, Bompiani, Milano, 1992, p.104).

Indubbiamente l’opera di Darwin ha una importanza fondamentale all’interno del processo di edificazione della Nuova religione da parte dell'Elite. Non solo Darwin diede il pretesto "scientifico" per il distacco da Dio e la possibilità attraverso l’evoluzione per l’uomo di "diventare Dio", ma con la dottrina denominata Darwinismo sociale (http://it.wikipedia.org/wiki/Darwinismo_sociale) fornì ai globalisti la giustificazione morale per il sogno a lungo cullato di una umanità schiava. Se in natura i deboli soccombono e i forti sopravvivono, sarà opportuno incoraggiare la formazione di un selezionato gruppo di "potenti" (il contrario della cristiana "comunità d’amore") e promuovere l'eliminazione delle razze inferiori...

Vi torna? Andiamo avanti allora, perchè ne ho ancora delle belle. Come è noto, uno dei punti in Agenda è la riduzione della popolazione mondiale sotto i 500 milioni di individui, che potranno così vivere "in armonia con la natura e le risorse del pianeta". Ebbene, qualche anno fa Barbara Marx Hubbard (?, http://www.barbaramarxhubbard.com/con/, nella foto a dx), "star" della New Age assai vicina ai Rockefeller affermava candidamente che: "un quarto [dell'umanità] è distruttivo, sono semi difettosi. Nel passato era loro permesso morire di morte naturale […]. Ora, man mano che si avvicina il grande cambiamento da creatura a essere cocreativo – ovvero erede dei poteri di Dio – quel quarto distruttivo va eliminato dalla comunità umana […]. Noi [gli Alti Iniziati] siamo gli incaricati del processo di selezione divina a favore del pianeta Terra" (2002).

Con la Hubbard siamo dunque arrivati alla così detta filosofia New Age.
Ora, la principale convinzione che accomuna un pò tutti i new ager è che il nostro pianeta e l'umanità nel suo insieme si trovino alla soglia di un progresso spirituale che, se raggiunto, consentirà l'accesso a una nuova forma di consapevolezza. Da più parti, per esempio, si fa riferimento all'anno 2012 come termine indicativo di una transizione, un passaggio per l'appunto a una "nuova età", la famosissima "Era dell'Acquario"; non dunque la tanto paventata fine del mondo, bensì l'ingresso in un nuovo ciclo cosmico, entro il quale ogni essere umano (e la società nel suo insieme) proseguirà nell'inarrestabile.... Cammino evolutivo. Chissà cosa ne penserebbe Darwin. Fatto sta che questo "uomo nuovo", elevato spiritualmente, dovrebbe essere in grado di vedere cose ora invisibili, di viaggiare nello spazio istantaneamente, di cogliere significati e correlazioni prima nascosti negli eventi dell'Universo, nonché di agire su tali fenomeni.... Non somiglia all'uomo-re descritto da Weishaupt?

Prima di continuare nel mostro assunto, è doveroso chiarire che molti adepti di discipline tradizionali di paesi quali ad esempio l'India e la Cina, nonchè un vasto numero di scuole ortodosse di Yoga, Tantra, Qigong, medicina cinese, Ayurveda e arti marziali con una storia antica di secoli continuano ad affermare che il movimento New Age (di matrice occidentale) è una comprensione parziale o nulla, o addirittura una deliberata distorsione delle loro proprie discipline.

Per questo la New Age, lungi dall’essere un insieme di dottrine anelanti ad una "nuova spiritualità" ed alla "fratellanza universale", è semplicemente l’ultima trasformazione dello gnosticismo illuminato e del culto di Lucifero. Il movimento, professando "pace e amore", è riuscito ad accecare molti dei suoi aderenti circa le sue vere aspirazioni.

La new-ager Marilyn Ferguson (1938–2008), autrice del libro "The Aquarian Conspiracy" (1980), fu molto vicina alla Casa Bianca; sosteneva che Lucifero è la “luce” della Nuova Era. Benjamin Creme (1922, http://en.wikipedia.org/wiki/Benjamin_Creme) aggiunge: "È questione di accettare o morire". E' un'affermazione che si ritrova negli scritti di numerosi occultisti.


Helena Blavatsky (1831-91, http://en.wikipedia.org/wiki/H.P._Blavatsky, nella foto a sx) scriveva: "Satana e il suo esercito ribelle proveranno di essere diventati i diretti salvatori e creatori dell’uomo divino. Così Satana, una volta che non sarà più visto nello spirito superstizioso della chiesa, crescerà in questa grandiosa immagine. Satana è il Dio del nostro pianeta e il solo Dio".


Più recentemente nelle opere di Alice Bailey (1880-1949, http://www.bailey.it/, http://en.wikipedia.org/wiki/Alice_Bailey), dove si auspica spesso dell'instaurazione di una nuova religione mondiale, si parla dello sterminio di tutti coloro che rifiuteranno di abbandonare il monoteismo e la teologia biblica, i quali "saranno mandati in un altro piano di esistenza", perdendo "la possibilità di controllare o influenzare gli sviluppi sulla terra". Giova ricordare che la Bailey dichiarava di aver scritto molti dei suoi libri "posseduta" dall’entità incorporea del maestro tibetano Diwhal Khul.... Cosa che evidentemente non infastidisce le Nazioni Unite, dove è stata ascoltata in molte conferenze ufficiali (cit. la cerimonia di apertura del Summit di Rio del 1992). La società da lei fondata, la Lucis Trust (ex Lucifer Trust, http://en.wikipedia.org/wiki/Lucis_Trust), è tuttora tra le più rispettate organizzazioni non governative dell’ONU.

Ecco dunque come, al fianco della mondializzazione dell’economia e della democratizzazione imposta, l’Oligarchia plutocratica che dirige il Sistema ha introdotto nella società moderna forme di sacro assolutamente funzionali alle loro dinamiche finanziarie e politiche. La New Age non è in fondo una sorta di "Globalizzazione delle Anime"? Si verrebbe così a collegare alle altre forme di omologazione planetaria imposte dalle forze che lavorano al Nuovo Ordine Mondiale. Che in realtà adorano Lucifero, l'angelo "caduto" che non avrebbe condannato, bensì salvato l'umanità, offrendole la "luce" della conoscenza.

Ciò che conta per loro, al momento, è allontanare quanta più gente possibile dalle forme di culto monoteista per avvicinarla alla Nuova Religione che stanno preparando, anche attraverso la diffusione di falsi guru e dottrine, e di un concetto di sincretismo cosmico. Al movimento neospiritualista della New Age sono collegati infatti tutta una serie di sotto-movimenti influenzati da dottrine neo-gnostiche e sincretistiche (v. Ufo e venuta degli alieni). Tutti in attesa della famosa Era dell'Acquario.

Non sarà certo un caso se la prima rivista d’ispirazione massonica apparsa in Italia, nel 1901, era intitolata “La Nuova Era”, seguita nel 1930 negli USA dalla rivista ufficiale della Massoneria di Rito Scozzese che si intitolerà “New Age”. E’ del 1937 la pubblicazione da parte di Paul Le Coeur del volume “L’Età dell’Acquario”; mentre nel 1963 viene costituita a Findhorn in Scozia la prima comunità New Age grazie all’opera di reclutamento di Eileen Caddy (http://en.wikipedia.org/wiki/Eileen_Caddy).

Vale a dire, il movimento ha radici ben più profonde di quelle che siamo soliti credere, anche se è solo con l’avvento della cosiddetta "rivoluzione dei fiori" e l’ondata sessantottina che le comunità New Age sorgeranno come funghi in ogni angolo del pianeta, diffondendo il culto dell’amore libero e della vita in comunità e promuovendo l’organizzazione di viaggi "esotici" in India e nell’estremo Oriente, mete preferite della spiritualità fai-da-te di stampo Newagiano.

Gli anni '80 sanciscono la definitiva affermazione del Movimento che da lì in poi comincia ad espandersi a macchia d’olio: riviste specializzate, raduni di massa, nuove comunità, decine di nuovi guru, milioni di nuovi adepti.

La penetrazione delle idee New Age è coerente con il disegno di omologazione planetaria mondialista. Non fidatevi!

1 commento:

acquachiara ha detto...

Tutto il discorso non è sicuramente sbagliato, diciamo che c'è comunque interpretazione a proprio favore esattamente come nelle religioni, gli hanno solo cambiato l'aspetto.
Possiamo dire che è verità la possibilità dell'uomo di autorealizzarsi, il problema che quasi nessuno va oltre le belle parole, nessuno ha veramente voglia di impegnarsi in questo percorso che porta all'annullamento di se stessi per ricostruirsi nel Divino (quello reale)nessuno ha voglia di impegnarsi fino in fondo nella lotta con se stesso e con la parte oscura che fino all'ultimo cercherà di impedirgli questa scelta.
Ecco che il gioco è fatto, non ti convinco con un dogma ma ti convinco con una falsa libertà, ma il traguardo è sempre il medesimo.... la rovina dell'anima.